la migliore asciugatrice in commercio

Diciamoci la verità, le comodità in casa ci piacciono un sacco! L’asciugatrice, così come il robottino lava e aspira, è ormai un elettrodomestico quasi irrinunciabile.

Non solo è utile per chi, ad esempio, non ha un balcone su cui stendere comodamente i panni, ma anche per chi vive in zone poco soleggiate e dove le temperature esterne sono spesso basse.

Certo, scoprire qual è la migliore asciugatrice in commercio è tutt’altro che facile, ne esistono davvero tanti modelli e con caratteristiche differenti.

Per questo ho deciso di proporti questa classifica, per poi analizzare quali caratteristiche analizzare per scegliere la tua nuova asciugatrice in base ad alcune esigenze specifiche che puoi avere.

La classifica delle migliori asciugatrici sul mercato


Aggiornato al 18 Ottobre 2021 9:39

La migliore asciugatrice A+++

migliore asciugatrice a+++

I consumi elettrici e quindi il risparmio di energia sono ormai un requisito fondamentale nella scelta, forse più di tutto il resto.

Purtroppo gli aumenti in bolletta sono sempre più frequenti, quindi orientarsi su classi energetiche efficienti è la scelta più smart.

Ho selezionato questa asciugatrice con tecnologia a pompa di calore e di fascia di prezzo media.

LG RC90V9AV2W Asciugatrice Smart

Tra i modelli di asciugatrice presenti sul mercato questo può rappresentare un’ottima scelta, per via delle sue caratteristiche avanzate.

La capacità di carico è di 9 kg e la classe di efficienza A+++.

Risparmio energetico assicurato anche grazie al sistema Heat Pump che ti permette di abbassare del 32% i consumi rispetto alle asciugatrici tradizionali.

Grazie alla tecnologia Eco Hybrid puoi scegliere se risparmiare fino al 24% di tempo o al 21% di energia in base a com’è il tuo stile di vita e quali sono le tue esigenze.

La salute è importante, per questo LG ha voluto integrare in questo modello il programma Allergy Care, che riesce ad eliminare il 99.9% degli acari della polvere responsabili di problemi respiratori e allergie.

Programma delicati, per rispettare le caratteristiche dei capi più sensibili come cotone, lana e seta.

Rimuove le pieghe e riduce il rischio di restringimento di tutti i capi, grazie alle basse temperature che sono alla base dell’asciugatura a pompa di calore.

Sensore di umidità che regola automaticamente il tempo di asciugatura, assicurando così le migliori prestazioni.

Doppio filtro che permette all’asciugatrice di garantire una pulizia costante e filtrare efficientemente la lanugine.

Oblò in vetro temperato per dare un tocco di eleganza e massimizzare la durata. L’oblò è anche reversibile e può essere montato da entrambi i lati, così puoi scegliere il lato dell’apertura che preferisci.

La parola Smart che sta nel nome di questa asciugatrice di colore bianco ha un significato ben preciso, perché dal punto di vista tecnologico non si fa mancare nulla.

Connettività Wi-Fi, intelligenza artificiale, applicazione SmartThinQ per gestire da remoto i programmi per il bucato, scaricare nuovi programmi di asciugatura e far comunicare l’asciugatrice con la lavatrice LG AI DD. 

Non è sicuramente un’asciugatrice economica ma come ben sappiamo è meglio puntare sulla qualità per non ritrovarsi pentiti dell’acquisto o scoprire di non avere a disposizione tutte le funzioni che servono.

La miglior asciugatrice di piccole dimensioni

asciugatrice di piccole dimensioni

Le asciugatrici slim sono sempre più richieste da parte di chi ha poco spazio in casa, sia in larghezza che in profondità, ma non vuole rinunciare alla comodità.

Dopo un’attenta ricerca ho scoperto che moltissime persone cercano frasi tipo “asciugatrice larghezza 40 cm” e simili, beh… buona fortuna.

Solitamente le asciugatrici standard sono di dimensioni simili ad una lavatrice, 60x60x85, è difficile recuperare spazio in larghezza, ma in profondità si può.

Ho deciso di consigliarti questa, al momento è uno dei migliori modelli sul mercato, stando anche all’enorme quantità di recensioni positive.

Asciugatrice Candy Smart Touch

L’asciugatrice compatta Smart Candy CSO4 H7A1DE-S a pompa di calore ha una capacità di carico di 7 Kg e una classe di efficienza A+.

Si contraddistingue per avere una profondità di soli 46,5 cm, mentre la larghezza è abbastanza standard, di 60 cm.

Utilizza un design intelligente e una tecnologia avanzata per offrirti un grado di asciugatura più comodo ed efficiente.

Non a caso integra la connettività wi-fi che ti permette di controllare diversi parametri direttamente dallo smartphone.

Per di più rende davvero semplice estrarre e riutilizzare l’acqua grazie alla custodia EasyCase, che si aggancia direttamente all’interno dell’oblò.

È in grado di asciugare i tessuti più delicati come seta, cotone, lino, chiffon, raso, ecc.

Con il suo design unico e la tecnologia di asciugatura avanzata, può risparmiare fino al 50% di energia elettrica rispetto alle asciugatrici convenzionali.

Consente inoltre di regolare la velocità del ciclo di asciugatura in base al tipo di tessuto, al livello di umidità nel tessuto e al tempo di asciugatura desiderato.

È dotata di una funzione per la successiva stiratura super facile incorporata in grado di rilevare l’umidità residua e ridurre le pieghe.

Se sei sempre in movimento e hai poco tempo, è l’asciugatrice perfetta grazie ad una serie completa di cicli rapidi, in grado di soddisfare tutte le tue esigenze di asciugatura.

Il ciclo rapido da 30 a 90 minuti fa di questo modello un’asciugatrice slim una delle migliori opzioni per l’ottimo rapporto qualità/prezzo.

La migliore asciugatrice per esterno

Non esiste un modello specifico di asciugatrice ideale per l’esterno.

Devi sapere che normalmente questo elettrodomestico non è pensato per essere installato all’aperto ed utilizzato soprattutto con basse temperature.

Capisco però che potresti avere spazio solo sul balcone, devi quindi rinunciare?

Non necessariamente, sempre che tu riesca ad isolare l’asciugatrice dal troppo freddo o dal troppo caldo.

La maggior parte dei modelli infatti funziona senza problemi in un range di temperature tra i 5° e i 35°.

Valuta quindi in base al luogo dove vivi e alle temperature durante l’anno, puoi sempre proteggere l’apparecchio incassandolo in un armadio affinché sia isolato.

Come scegliere l’asciugatrice giusta

migliore asciugatrice

Come succede per ogni prodotto è importante prima di tutto capire quali sono le tue esigenze e quali caratteristiche sono più importanti per te.

Ci sono alcuni aspetti che devi assolutamente tenere in considerazione nella tua scelta:

Classe di efficienza

Se non vuoi ritrovarti con bollette della corrente piuttosto salate, è sicuramente meglio che scegli un elettrodomestico con alta efficienza energetica.

L’ideale è optare per un modello di classe energetica da A ad A+++, per ottenere le migliori prestazioni senza avere un consumo energetico esagerato.

Come vedrai meglio dopo, un’asciugatrice con pompa di calore ti può garantire questo tipo di prestazioni.

Capacità di carico

Questa è indubbiamente una delle caratteristiche più importanti, soprattutto per le famiglie numerose e molti capi da lavare ed asciugare.

È ovvio che più è alta la capacità di carico e più ingombrante risulta l’asciugatrice, comunque il consiglio è quello di orientarti su un modello da almeno 7 Kg di carico in su.

Dimensioni

Non tutti hanno case o appartamenti enormi, diventa quindi essenziale trovare un prodotto delle giuste dimensioni, del resto si tratta sempre di aggiungere un elettrodomestico in più.

Per questo moltissime persone cercano un’asciugatrice slim, ovvero di dimensioni ridotte, da posizionare di fianco oppure sopra alla lavatrice.

Non devi per forza mettere questo apparecchio in bagno, perché se si stratta di un modello senza scarico puoi decidere dove posizionarla in base allo spazio a disposizione.

Numero di programmi disponibili

Non tutti i modelli sono uguali, alcuni dispongono di molteplici programmi specifici di asciugatura in base al carico, al grado di umidità e al tipo di tessuti che stai asciugando.

Le versioni più recenti hanno anche programmi di asciugatura rapida selezionabili dal display integrato e in alcuni casi si interfacciano al sistema di domotica di casa.

Non dimenticare funzioni come l’avvio ritardato, segnale acustico, programmi speciali pensati per la stiratura successiva o per capi delicati, l’illuminazione interna, la pulizia automatica.

Fascia di prezzo

Come per ogni prodotto esistono diverse tipologie di prezzo in base alle caratteristiche.

Nella fascia alta ci sono sicuramente le asciugatrici a pompa di calore ad alta efficienza energetica, che pur costando di più all’atto dell’acquisto ti garantiranno però un risparmio energetico nel tempo.

Nella fascia più bassa si trovano le versioni a condensazione che utilizzano una resistenza elettrica, ma se è vero che sono più economiche è anche vero che il consumo energetico è ben maggiore.

È meglio una lavatrice con asciugatrice incorporata?

lavatrice con asciugatrice incorporata

Anche se la risposta immediata potrebbe sembrare ovvia, ci sono in realtà alcuni aspetti da considerare.

Questa combinazione offre sicuramente alcuni vantaggi:

  • Meno ingombro perché hai un solo elettrodomestico invece di due.
  • Minor spesa nell’acquisto iniziale (non sempre), perché la somma di due elettrodomestici sarebbe inevitabilmente più alta.

Attenzione però a considerare bene il quadro completo, compresi gli svantaggi:

  • Maggiori consumi energetici sul lungo periodo, anche se potrebbe sembrare il contrario, ma hanno una classe di efficienza inferiore.
  • Capacità di carico diverse per lavaggio e asciugatura, con la possibilità quindi di ritrovarsi capi bagnati a fine ciclo o l’impossibilità di asciugare tutto il carico.
  • I cicli di asciugatura sono limitati e meno specifici rispetto a un elettrodomestico dedicato, mancheranno probabilmente ad esempio programmi per l’asciugatura delicata.
  • Temperatura di asciugatura mediamente più alta, con il rischio maggiore di rovinare i capi. – In caso di guasto si blocca tutto, rimarrai quindi senza lavatrice e asciugatrice.
  • Si usura più velocemente, dovendo effettuare il doppio lavoro.

Riassumendo, la soluzione migliore è senza dubbio avere i due apparecchi separati, ma se proprio non hai spazio e non hai grosse esigenze, scegli una lavasciuga di ultima generazione.

I modelli più recenti stanno migliorando la loro tecnologia, rimangono tuttavia di efficienza energetica bassa e con molti dei limiti che ho già scritto sopra.

Asciugatrici con carica dall’alto, esistono?

Se ti stai facendo questa domanda probabilmente è perché hai fatto qualche ricerca ma senza troppi risultati.

Le asciugatrici (vere) con carica dall’alto ad oggi non esistono perché annullerebbero molti dei vantaggi di questo elettrodomestico.

Consumerebbero troppo, perché potrebbero utilizzare solo la tecnologia a condensazione.

Inoltre non potrebbero essere posizionate sopra la lavatrice, come molte persone fanno nella realtà.

In realtà ti potrebbe capitare di trovare delle lavasciuga portatili o asciugatrici di piccolissime dimensioni con carica dall’alto.

Si tratta però di prodotti non hanno nulla a che fare con la qualità e le capacità di quelli di cui ti sto parlando in questo articolo e di solito con recensioni mediamente negative.

L’asciugatrice in camera da letto?

Molte persone si chiedono quale sia l’ambiente di casa ideale per installare un’asciugatrice.

Non c’è dubbio che la stanza prediletta sia il bagno, dove magari già hai anche la lavatrice, oppure dove puoi mettere una lavasciuga che faccia entrambe le funzioni.

Tuttavia, se non hai spazio in bagno e ti stai chiedendo se puoi mettere l’asciugatrice in camera da letto, perché magari è l’unica stanza dove hai posto, ecco cosa devi tenere in considerazione.

Per prima cosa sappi che l’asciugatrice è un elettrodomestico abbastanza rumoroso quindi se vuoi metterla in camera dovrai utilizzarla solo nelle ore diurne.

Anche il lato estetico conta, magari un’asciugatrice in camera non è bellissima da vedere, anche se puoi sempre incassarla all’interno di un mobiletto o un armadio.

In questo caso però assicurati che attorno all’elettrodomestico rimanga almeno un po’ di vuoto per evitare troppo surriscaldamento o umidità che potrebbero danneggiare l’asciugatrice.

La soluzione migliore è scegliere un modello con ingombro ridotto oppure a condensazione con pompa di calore, proprio perché non si surriscalda troppo.

Asciugatrice: differenza tra pompa di calore e condensazione

asciugatrice differenza tra pompa di calore e condensazione

Come dicevo precedentemente esistono una miriade di modelli diversi di asciugatrici, divise anche in base alla tecnologia e al sistema di asciugatura e di scarico che utilizzano.

Le due tipologie più diffuse oggi sono le seguenti:

Asciugatrice a pompa di calore

In questo caso l’aria calda che asciuga i vestiti viene generata appunto da una pompa di calore. Il concetto è simile a quello di un frigorifero o di un condizionatore ed utilizza il principio di scambio termico.

Questo sistema è il più efficiente perché riduce i consumi ed è la più moderna delle soluzioni in commercio.

Allo stesso tempo, proprio per queste sue caratteristiche e per via della classe energetica migliore, è anche più costosa.

Ulteriore vantaggio della tecnologia a pompa di calore è che la macchina può essere installata praticamente ovunque, perché non ha bisogno di tubi per lo scarico dell’acqua.

Se per te anche il peso è importante, devi considerare che il meccanismo a pompa di calore rende l’asciugatrice più pesante rispetto ai modelli a condensazione.

Pro:

  • Classe energetica più efficiente (solitamente da A ad A+++)
  • Puoi posizionarla anche in spazi ristretti o sopra la lavatrice perché non si surriscalda più di tanto
  • Non ha bisogno di uno scarico per l’acqua

Contro:

  • I tempi di asciugatura sono più lunghi perché utilizza una temperatura inferiore (circa 50°)
  • È più costosa
  • È più pesante

Asciugatrice a condensazione

L’utilizzo di un condensatore è un’alternativa alla pompa di calore, il calore generato dall’asciugatura viene condensato e raccolto poi in una vaschetta sotto forma di acqua.

In questo caso viene utilizzata una resistenza che trasforma l’aria esterna da fredda a calda, esattamente come farebbe un asciugacapelli.

Le asciugatrici a condensazione sono state le prime ad arrivare sul mercato e si rivelano le più economiche.

Attenzione però, il prezzo basso all’acquisto comporta una classe energetica inferiore e quindi consumi energetici ben più elevati.

L’asciugatrice a condensazione può avere due sistemi diversi di scarico dell’acqua:

Scarico a condensazione: l’acqua viene condensata e raccolta all’interno dell’elettrodomestico in un’apposita vaschetta estraibile. In questo caso è installabile quasi ovunque.

Scarico a espulsione (o evacuazione): l’acqua viene espulsa automaticamente attraverso un tubo, questa tipologia quindi ha bisogno dello scarico.

Pro:

  • Cicli di asciugatura molto più rapidi
  • Prezzo più basso

Contro:

  • Alto consumo di energia elettrica e classe energetica meno efficiente (da B a C)
  • I capi possono risentire della temperatura più alta dell’acqua (fino a 70°)
  • Si surriscalda di più quindi devi fare attenzione a dove la posizioni
  • Ha spesso bisogno di uno scarico (in base al modello scelto) 

Lavasciuga: tempi di asciugatura

asciugatrice tempi di asciugatura

Mediamente un ciclo di asciugatura può durare tra i 35 e i 200 minuti, se la tua asciugatrice dovesse metterci di più, è possibile che ci sia qualche malfunzionamento.

In realtà bisogna però differenziare tra una semplice asciugatrice e una lavasciuga, che invece compie il lavoro anche di lavaggio, che dovrai aggiungere a quello di asciugatura.

I tempi di asciugatura dipendono da diversi fattori, in primis dalla tecnologia utilizzata dall’apparecchio.

Un’asciugatrice a pompa di calore mediamente impiega più tempo per un ciclo perché genera un calore inferiore rispetto ad una a condensazione.

Conta inoltre il carico, quindi la quantità di vestiti che inserisci, così come il tipo di tessuto che vuoi asciugare.

È difficile dare una risposta univoca su quanto tempo serva per avere capi asciutti perché le asciugatrici migliori hanno anche un programma di asciugatura davvero molto rapida

Asciugatrice, serve lo scarico?

Non tutte le asciugatrici hanno bisogno dello scarico.

Non serve uno scarico se hai scelto un’asciugatrice a condensazione con pompa di calore, perché l’acqua viene raccolta all’interno da una vaschetta che puoi estrarre e svuotare.

Se invece il tuo modello ha lo scarico ad evacuazione, detto anche a espulsione, avrai bisogno necessariamente dello scarico tramite un tubo, esattamente come per la lavatrice.

Lavatrice e asciugatrice sovrapposte, come fare?

Se l’unico spazio che hai per posizionare questo elettrodomestico è proprio sopra la lavatrice, puoi farlo tranquillamente, ma è consigliato l’uso di un apposito Kit.

Consiste in un piano di supporto che separa le due macchine e che dispone di piedini antiscivolo per far sì che l’asciugatrice rimanga ben stabile.

Teoricamente puoi costruire qualcosa di simile anche in autonomia se hai particolari doti nel fai da te, ma è più semplice acquistare un kit già pronto.

Se lavatrice e asciugatrice sono della stessa marca molto probabilmente il kit ti verrà fornito insieme all’apparecchio.

Puoi ascuistare questi Kit facilmente online, clicca qui e trovalo su Amazon.

Perché l’asciugatrice fa i pelucchi?

L’asciugatrice crea lanugine a causa dell’elettricità statica che si crea quando due oggetti entrano in contatto tra loro, caricandosi di elettroni.

Questi pelucchi, durante l’asciugatura, vanno a finire nel filtro dell’asciugatrice accumulandosi.

Se il filtro non viene pulito dopo ogni ciclo, ecco che i pelucchi possono tornare in circolo e attaccarsi ad alcuni tipi di tessuti durante i lavaggi successivi, i capi in lana risentono ancora maggiormente di questo fenomeno.

Ci sono ovviamente alcuni tessuti che soffrono le temperature prodotte da questo elettrodomestico e potrebbero risentirne e rovinarsi, un classico esempio è il copridivano.

Pulire il filtro è un’operazione importante e che andrebbe fatta sempre.

Un piccolo trucco da provare: inserisci nell’asciugatrice insieme ai vestiti delle palline di carta stagnola (il foglio di alluminio da cucina), questo dovrebbe aiutare a ridurre o eliminare l’elettricità statica e quindi la formazione di lanugine.

L’acqua dell’asciugatrice è distillata?

In realtà no. Non si tratta di acqua distillata ma piuttosto di acqua demineralizzata, il che significa che il suo contenuto di minerali viene ridotto o annullato.

Attenzione, quest’acqua non è assolutamente potabile ed è sconsigliato usarla, ad esempio, anche per le piante.

Puoi invece riutilizzarla per il lavaggio a mano dei vestiti o per le pulizie di casa e per lavare l’auto, grazie all’assenza di calcare ha numerosi vantaggi in questi casi. Se invece vuoi riutilizzarla per il ferro da stiro dovrai filtrarla ulteriormente.

Asciugatrice libera installazione, cosa vuol dire?

Significa semplicemente che si tratta di un modello non da incasso e che può essere posizionato dove preferisci.

Spesso questi modelli hanno dimensioni non standard. 

In conclusione la parola d’ordine è qualità

Siamo arrivati alla fine di questo lungo articolo dedicato alla migliore asciugatrice in commercio.

Ti ho parlato delle caratteristiche principali come le dimensioni, l’efficienza energetica, i tempi per l’asciugatura perfetta, le fasce di prezzo e non solo.

Ora hai tutte le informazioni che ti servono per acquistare una buona asciugatrice, il mio consiglio finale è quello di preferire una di quelle di fascia alta.

Non te ne pentirai di sicuro, sia per le funzionalità, la comodità, e in termini di consumi sul lungo periodo noterai la differenza e avrai un risparmio energetico degno di nota. 

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *